I giorni del cane nero

Amore, vita sociale, ansia e depressione si incrociano in un insieme di racconti brevi ispirati alla realtà che ci circonda. Il filo conduttore è l’ironia, usata come mezzo per poter esprimere il disagio che si prova vivendo in una società che si sente stretta. I racconti rappresentano un po’ la generazione millennials, sempre in lotta con i propri mostri interiori, né giovane, né adulta, caratterizzata però dal sentirsi sempre e costantemente fuori luogo.
Abbassate le aspettative.